“Should the computer program the kid or should the kid program the computer?“

—  Seymour Papert

Il nostro secondo evento targato CoderDojo ha visto come protagonista Cubetto, un robot di legno che insegna ai bambini e alle bambine a partire dai 3 anni le basi della programmazione dei computer attraverso giochi. 
Cubetto  si muove su ruote e si controlla via Bluetooth tramite  una tavoletta forata in cui inserire 16 tasselli aventi colori diversi  a cui corrisponde un preciso comando: “avanti”, “destra” e “sinistra”.               
Le attività con Cubetto promuovono lo sviluppo del pensiero computazionale e delle abilità logico-matematiche. Il pensiero computazionale allude all’insieme di processi mentali che vengono messi in atto nella formulazione e nella risoluzione di un problema computazionale: astrazione, scomposizione, progettazione algoritmica, valutazione e generalizzazione. La promozione del pensiero computazionale è l’obiettivo principale del coding ed è importante che venga sviluppato dai primi anni d’età. 
Il nostro laboratorio si è aperto con un’attività unplugged grazie alla quale i bambini hanno potuto familiarizzare con il codice da utilizzare per programmare Cubetto e sperimentare con il proprio corpo il movimento all’interno di una scacchiera. Questo momento di alfabetizzazione ha permesso poi di programmare Cubetto accompagnandolo in avventure spaziali, viaggi in Egitto ed esplorazioni degli abissi marini!
Categorie: Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *